Pigrissima domenica


E’ quasi novembre, e mi parte l’embolo della pigrizia. A voi non capita mai? Ci fosse pure in ballo la possibilità di far sesso, sarebbe un sesso lento e coccoloso, tutto condito dal risparmio energetico. E’ bello tornare a casa dopo qualche commissione, e avere la netta sensazione che la casa ti stia aspettando con quel calduccio accogliente che contrasta la poca luce che entra dalla finestra. Niente più da fare per tutto il pomeriggio e nemmeno l’intenzione di organizzare cenette con gli amici. L’essenza della pigrizia.

Ti togli le scarpe ed è come perdere contatto con il mondo :non sei in ansia nel modo più assoluto. Prendi un libro, accendi una lucina che non disturba, apri pure una bottiglia di strongbow fresco, e ti raggomitoli sul divano. Cazzo, mi sento un po’ come il mio gatto.

E allora, ancor prima di aprire il libro che tengo sulle gambe, sento i pensieri alleggerirsi, ancora di più. Mi dico che domeniche come queste sono una figata. Per fortuna qualche volta avvengono. Non ho nulla da fare, a parte del tempo da perdere. Niente mi corre dietro. Alle pulizie non ci penso, alle donne nemmeno – non con quei pensieri da masturbazione mentale -. E come bonus oggi questa domenica dura un’ora in più. Socchiudo gli occhi, abbasso il mento e mi immergo nel mondo di Sandokan. Ci si vede, gente!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...