Umorale, quasi emotivo, mai astemio.


Ci sono giorni di gelo, e giorni di insoddisfazione che alle volte ballano sulle mie ossa. Non per quello che ho fatto, ma per quello che è mancato. Sono giorni in cui sono molto emotivo, una disposizione d’animo che nascondo con malcelata grazia: si deve comunque andare avanti, augurarsi buona fortuna e tirare dritto. Grazie al cielo ci sono gli amici che sanno quando aprire una buona birra (perché – dice il saggio – non conta quello che si beve, importa solo quello che si beve in compagnia). Ma rimane il fatto che busso ogni tanto alla porta del cattivo umore.

Alle volte mi dico che ci siamo scambiati ben poche parole, che non abbiamo mai vissuto fianco a fianco, ci siamo visti di sfuggita e che credo solo di sapere come sei. Potresti essere un fiocco di neve, sì, veramente; eppure credo sia tu a guidarmi come un’aquilone, come non mi capitava da tanto tempo. Tu mi fai pensare, come te nessun’altra mi fa pensare. Tu, che riesci a colpirmi con quell’umorismo intelligente, mai banale, che mi dice tanto di te e che si accompagna al tuo sorriso che non è tale. E questo mio ritorno giovanile mi garba. Ma al contempo mi rende veramente umorale, perché da tanto non riesco a trovare un luogo dove tu possa venire per restare. Non riesco a trovare il giorno in cui scrivere le giuste parole e che diano senso alle attese…

Annunci

One thought on “Umorale, quasi emotivo, mai astemio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...