La mente contro il resto del mondo


Non voglio riscrivere ragione e sentimento, ma mi sono messo a conteggiare quante volte quel che ho fatto quest’anno, quel che le mie mani hanno saputo afferrare, non è stato quello a cui il sentimento avrebbe voluto appigliarsi. Ho contato le volte che le azioni non hanno seguito il mio sentire. Un bilancio abbastanza fallimentare.

Biologicamente mi dico che è una questione di evoluzione mancata, ovvero che ancora abbiamo in noi un fenotipo eccessivamente Neanderthal per far sì che la mente possa controllare anche la sfera affettiva, come controlla le nostre azioni. Sarebbe di un certo conforto poter intimare al cuore “please don’t be afraid” (Lou Reed docet) e vederlo assestarsi.

Purtroppo, conservare un comportamento civile impone spesso un vestito troppo stretto all’istinto. Ed è abbastanza ironico, se si pensa che tutto il resto del regno animale non sa cosa sia un social agreement; tutto è regolato da semplici comportamenti istintuali che codificano tanto la comunicazione quanto il rispetto, e le stesse relazioni.

Fuori dall’istintualità spesso la mente se ne esce dilaniata, perché ci costringiamo a rinunce o scelte che non sono veramente nostre. A cui non vorremmo adempiere, ma sentiamo di dover fare. Il risultato? Siamo un po’ tutti potenzialmente schizoidi.

 

Ad onor del vero, io vengo da qui: http://broken-clock.tumblr.com/post/14980780859/e-si-mi-manca-ancora-per-quanto-incomprensibile

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...