Cosa cerco


Leggevo da qualche parte che le persone online cercano sempre più spesso cose utili, cose di interesse pratico. In qualche misura è ragionevole: il cazzeggio alla fine stanca. Io stesso, in orario lavorativo uso internet estensivamente per chiarire dubbi, trovare codici e mille altre cose.

Non credo però che l’era del blog inteso come diario personale sia tramontata. Al contrario, la tendenza al social networking è costantemente in crescita, e se una buona fetta di esso si focalizza su interazioni personali (non per nulla si parla tanto spesso di privacy e dati sensibili), esso avrà sempre espressione in blog generalisti, intimi, probabilmente non privi si interesse per lo studio della psicopatologia. 🙂

La sociologia e l’antropologia dovranno sempre più fare i conti con le interazioni virtuali, perché ormai nel web si è sviluppato un intero universo di comportamenti sociali, in esso sono migrati ragione e sentimento. In questo senso, il web 2.0 è un ottimo indicatore dei sommovimenti del nativo digitale e della sua visione del mondo. Nascerà l’esigenza di identificare gli aggiornamenti di status sentimentali, separarli per area geografica, canalizzarli e classificarli. Si capirà sempre di più dell’umano sentire proprio grazie all’estesa possibilità di esprimere anonimamente i pensieri e le paure.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...