L’anno del pacco bomba


L’anno nuovo è iniziato col botto.

Mi sono alzato alla solita ora. mi sono trascinato in cucina e ho acceso la televisione. E lì, su tutti i notiziari capeggiava la notizia bomba: pare che Berlusconi abbia deciso di mollare e cambiare nazionalità. Pare che l’unica sua dichiarazione di ieri sera sia stata

“me ne vado. Qui ho fatto tutto quello che potevo, ho risolto tutti i problemi,e ora di andare avanti: diventerò premier del Madagascar.”

Che primo dell’anno sarebbe, eh?? 🙂
E’ il primo dell’anno. 364 a finire, e come sempre è un momento per ripensare a quanto si è fatto e non fatto. Ieri sera, a cena con gli amici, facevamo la lista delle cose che il 2010 ci ha fatto vivere. Un primo bilancio mi farebbe dire che – a livello personale – è stato un anno magnifico,a livello globale è stato un anno di merda. Non chiedetemi di dirvi perchè, lo sapete anche voi. Prendetela così come è, se vi va.

Quel che posso dire di questo primo dell’anno è che persiste questo gonfiore addominale che si prolunga fin dalla vigilia di Natale. Si tratta di un bel panciotto che mi ricorda delle allegre festaiole di questo periodo, ma che al contempo chiede persistentemente di darsi una regolata. Quindi da oggi basta, per favore, con i festeggiamenti: solo brodini!

Ho sistemato casa e ho messo in un cartone tutto quello che ho ereditato ieri: è un vero pacco bomba! Pieno di dolcetti e cose che non dovrei proprio mangiare e/o bere, ma sapete cosa vi dico? Evviva gli avanzi! Non perchè ti permettono di non cucinare per un paio di giorni, ma perché prolungano i ricordi delle risate e delle gozzoviglie fatte con gli amici!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...