La gioventù, i viaggi e il sesso


Mi salverà il Poporoya. Se non scaveranno direttamente per me un nuovo buco nell’inferno dei miscredenti sarà grazie a questa piccolissima gemma milanese. Il chirashi speciale di Shiro è la mia personalissima religione in questi giorni blurrrp.

In effetti, l’altra sera, tra un boccone e l’altro di makizuchi, secondo una sorta di proprietà transitiva mi sono  ritrovato a sviluppare un nuovo credo, a riporre fede nelle nuove generazioni, come prima non facevo.

Stavo braccio a braccio con un paio di studentesse e mi sono reso conto di quanto non sia all’altezza di queste nuove generazioni! Di che distanza incolmabile ci sia tra me e i ragazzi che oggi hanno vent’anni. C’è poco da dire, a quell’età hanno una visione del mondo, di se stessi e di quel che vogliono CHIARISSIMAIo, invece, a mala pena ti conosco. A malapena mi conosco.

Parlavano – e poi parlavamo, perchè ogni tanto sono una puttana curiosa – di lasciar perdere gli esami che dovevano dare, per andare a seguire un festival a Berlino, per incontrare un regista conosciuto in rete. E poi, per riprendersi dal viaggio, fare un salto dal fratello di una di queste, a Parigi. E non sapevano se portarsi dietro quel coglione del Filippo, di cui una era interessata e l’altra molto poco attratta. Parlavano così tranquillamente di sesso, senza imbarazzo, come io potrei parlare di un libro che mi era poco piaciuto. E non c’era tensione tra loro nemmeno quando la poco interessata rivelava che sì, le faceva piacere stare con Filippo, ma non aveva intenzione di farci nulla, specie per come le scriveva via Skype di notte, mentre la ragazza di lui dormiva nell’altra camera. E l’altra ragazza, che invece si era presa delle belle soddisfazioni con Filippo, ora si rammaricava di come probabilmente lui la considerava un tappettino, visto che era sempre lei a doverlo chiamare per uscire.

A quel punto io ero impeperonito. Ero preso da una calda invidia per queste nuove forme di vita scevre da vecchie morali, che hanno integrato nel loro DNA l’uso della tecnologia e i vantaggi della globalizzazione; che sono riuscite a trovare un equilibrio sano nel proprio piacere fin da vent’anni, che capiscono come vale la pena d’affrontare il mondo e  di viverlo a pieno.

Annunci

One thought on “La gioventù, i viaggi e il sesso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...