Dicotomico di domenica, malinconico il lunedì


escherForse il segno di una persona che pensa è una certa dose di dicotomia. Ho dunque luoghi della mente che si spopolano, e luoghi che mai si vedon liberi dei forti desideri. Un sentimento sbilenco che cresce e svapora, diverso ogni ora.

Esiste il calco di un me stesso fatto della rabbia che s’increspa, feroce e taciturna. Ma se sulle labbra s’alzano parole, poche – leggere – distese nel giorno, cambia in un battito di ciglio il colore del bosco.

E’ quasi come avere scoperto un nuovo nervo pulsante, è come avere un sensore ottimizzato all’improvviso, con cui sento più intensamente. Basta il vento, un momento riflessivo… e l’euforia si affievolisce. Eppur poi la tua voce – sentita da lontano – mi riporta al canto, e alla fede di un’età malinconica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...