Di fronte al pericolo


Gli amici sono la mia ciambella di galleggiamento. Certo, lo sono anche le famigerate manigliette dell’ammore, che mi permettono una certa sicurezza in caso di affannamento :-)

Ma gli amici sono il mio galleggiante. Mi indicano l’altezza dell’acqua. E, più di chiunque altro, sono la mia famiglia.

Non lo dico con leggerezza; non è un modo di dire estemporaneo, e non è una pavida conseguenza della mia singletudine. No, nella vita ho avuto la fortuna di essermi imbattuto in persone magnifiche, con cui condivido pensieri ed esperienze. Mi hanno dato la forza di superare delle situazioni dure, e lo hanno fatto quasi senza accorgersene, quasi fosse la cosa più naturale del mondo. Mi seguono negli errori, mi spronano, e mi fanno patpat quando ho bisogno di coccole. E come loro, anche io.

Da soli magari siamo tutti in balia degli eventi, ma di fronte al pericolo nessuno si tira indietro. Alle volte credo che l’amicizia, ancor più dell’amore, sia il sentimento più naturale, e più caldo che possa dimorare in queste ossa.

Gli amici forse non se ne accorgono, ma rimango sempre assolutamente incantato, e sorpreso, nel vederli come affrontano il rimanere senza lavoro, le frustate mensili del mutuo, la cattiveria degli altri (e in questo periodo siamo in tanti a dover lottare). Eppure – tra amici vicini e lontani- abbiamo tutti in noi qualcosa del Candido di Voltaire. E’ questa la meraviglia del mondo.

 

 

About these ads

6 thoughts on “Di fronte al pericolo

  1. visto che la scelta della piece artistica con la quale rappresentare il commento è stata giudicata quantomeno “non irreprensibile”, faccio ammenda con un’alternativa che, in altra lingua, esprime per lo piu’ lo stesso concetto.

  2. Da un articolo comparso su Adult Video News (periodico patinato e costoso che tratta di cinematografia pornografica), ripescato in un saggio di Wallace dal titolo “Il figlio grosso e rosso” [espressione con cui si allude al genere all'interno della più vasta famiglia "cinematografia genericamente intesa"], i corrispondenti riferiscono quanto asserito da Max Hardcore (al secolo Paul Little) riguardo a registi di settore come Gregory Dark e Rob Black (di punta nel genere Bizaro-Sleaze):

    “…offrono come intrattenimento stupri di gruppo di donne paraplegiche, donne costrette e mangiare Ritz spalmati di schizzo, e uomini che si danno il turno a sputare in faccia alle donne.”
    I corrispondenti commentano “se suia plausibile che i Bizaro-Sleaze possano aiutare dei misogni a da poltrona a risolvere parte della loro rabbia verso il genere femminile è irrilevamte: L’intento di quesi film non è la catarsi. Il loro intento è capitalizzare una domanda di mercato che che evidentemente esiste. I prodotti di questi registi sono presenze quasi costanti fra i Più venduti e noleggiati di “Adult Video News”.

    Mi duole offendere Voltaire.
    Ma questi sono dati presi dalla realtà di cui facciamo parte.

    1. sì, vero, e al mondo ci sono molto probabilmente tante altre cose anche peggiori di quelle di cui scrivi. E’ proprio questo che mi sorprende, sebbene vi sia tanto “male” (permettimi di generalizzare così) e che capitino infinite brutture ogni giorno ( e il mondo ce ne dà degli esempi fulgidi, come tu porti ad esempio), l’aiutarsi può darci speranza, una sorta di dottrina ottimistica – diciamo così – a cui non credo dovremmo rinunciare, perchè ci può aiutare a vivere. Magari con una visione disincantata del mondo.

  3. Unlike HTML, Active Server Pages (ASP) allow dynamic web
    content. If you’re scanning this article you might have perhaps already found something passionate to create about, which is the initial step in placing script together, all you want now could be time. Depending on the you sell, preparing your goods will take several hours weekly or perhaps be a full-time job.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...