Pulp, amarcord

E’ l’estate del nostro scontento. E’ forse il giungere di soppiatto di questo Agosto novembrino che mi fa ripensare alla triste fine di PULP Libri. E probabilmente è proprio questa la ragione per cui Agosto sta arrivando con la tristezza lacrimosa della pioggia di Luglio: non c’è più un Pulp da attendere con trepidazione in edicola. […]

Read more "Pulp, amarcord"

Lei è il mio uomo

Quanto sei bella, denudata d’ogni inganno, bellissima e odorosa come di foglie, di frutti, e di legno piovoso. Quanto sei bella, spoglia d’ogni malizia, vestita del mattino nebbioso e vera! Vera come la passione, come l’impeto d’onda che conduci in mano. Ogni tua parola sussurra, con gli occhi a far da frontiera, che sulla terra […]

Read more "Lei è il mio uomo"

Verso Sud

Al selvatico splendore! Al torso, al folto, alle acque verdi! Verso il sud del suo fianco, che alla terra appartenne con le notti e gli albereti d’occhi ch’ebbe. Al sud! Verso quel che ci spinge a vivere. Andar al sud dei suoi fianchi, senza vesti né pianti perché ne sentii il profumo poggiarmi in testa, […]

Read more "Verso Sud"

(Basàr la fantina)

La tua bocca – tellina di mare, quest’oggi m’uccide. Beccheggia – velame sull’acque scure, tra lingue ancor più brune, ed ha un andare che non dice di fedi e d’amori, ma ne cinge. E io vi succhiavo, stretto a lei – alla deriva, spuma in furia, e v’andavo, sulla giovanil ala, come alla nave naufragata […]

Read more "(Basàr la fantina)"

Perché in due tutto viene meglio

Noi metteremo carne e ossa sull’amor mite, e con esso un vestito all’inverno e un manto all’estate, portando doni palpitanti, riposando abbracciati, con gli occhi persi in un gioco di rimpianti… Coi nostri corpi che profumano di primizie, corpi che s’avventano a volo d’uccello sulle labbra e si scambiano baci gioiosi, corpi che hanno spigoli […]

Read more "Perché in due tutto viene meglio"

Il corpo come reato sentimentale

A stento, a letto, vesti una penombra carnale e una bocca di serpente. Ogni sera, le tue anche a pera paiono calarsi in me rassegnate, paiono cullarsi della pace notturna ondeggiando come orchidee senza corolla, danzando lì, dinanzi a me, tra l’alba e l’ombra. A stento, a letto, vesti un nome riconoscibile e un’inaspettata avidità. […]

Read more "Il corpo come reato sentimentale"